venerdì 17 gennaio 2020

Eco Bio Boutique, Crema Goji rassodante Seno e Glutei


Bentornati sul blog e buon venerdì dalla vostra skincare-addict Chiara!
Oggi parleremo dell'ultimo prodotto Eco Bio Boutique ricevuto qualche mese fa in collaborazione.
Ci tengo in questo ultimo post a ringraziare ancora l'azienda per la fiducia che ha riposto in me e nella mia passione (perchè alla fine tale è) per la skincare ecosostenibile e con Inci green, di aver apprezzato le mie precedenti recensioni per il blog e di aver permesso a voi di poter, attraverso la mia esperienza, conoscere il brand un poco di più.
L'ultimo prodotto di cui parliamo oggi è la Crema Goji rassodante Seno e Glutei, composta da ingredienti tutti naturali per ridare compattezza e turgore al nostro seno ed ai nostri glutei.
Può succedere che squilibri ormonali, passaggi drastici da una vita troppo frenetica ad una troppo sedentaria, problemi circolatori (per le gambe) ed altri problemi simili, possano manifestarsi non solo attraverso manifestazione di smagliature e cellulite, ma anche attraverso perdita di tono ed elasticità in quelle zone evidenti quali seno o gluteo.
Gli ingredienti contenuti all'interno di questa crema rende la pelle più soda e compatta, previene l'invecchiamento cutaneo e contrasta il rilassamento.
  • ESTRATTO DI BACCHE DI GOJI
  • GINSENG
  • LUPPOLO
In un mese di trattamento noteremo non solo effetto push-up (già dalla prima applicazione) , ma anche un aumento del volume del nostro seno di una mezza taglia in più; ottima in caso di seno pot-allattamento.
  • FORMULA PRIVA DI SILICONI, PARABENI, CRUELTY-FREE, 100% CON INGDREDIENTI NATURALI
Basta applicarla una volta al giorno per un periodo minimo di trenta giorni, adatto a tutti i tipi di pelle (anche le più sensibili) e con effetto anche nutriente ed idratante.


ANALISI DELL'INCI
  • AQUA
  • VITIS VINIFERA SEED OIL: l'olio di vinacciolo (uva) è un potente antiossidante naturale, protettivo delle membrane cellulari e ricco di polifenoli e tocoferoli naturali. Rigenerante, riequilibra la cheratinizzazione della pelle e promuove la capacità di assorbimento della pelle.
  • BUTYROSPERMUM PARKII BUTTER: burro di karitè, sostanza grassa di origine vegetale di colore giallo, semisolida a temperatura ambiente. Grazie alla presenza di una elevata quota di frazione insaponificabile, ricca in alcoli terpenici (karitene) e in minor quantità di fitosteroli, è un prezioso ingrediente naturale antirughe e antietà per il viso e il corpo, in grado di conferire alla cute compattezza ed elasticità. Il burro di Karitè contiene anche tocoferoli (Vitamina E) che agiscono come antiossidanti naturali.
  • SIMMONDSIA CHINENSIS SEED OIL: Olio di Jojoba ricco di antiossidanti naturali che lo rende perfettamente compatibile con la cute, è un potente emolliente sai per la cute che per i capelli. 
  • GLYCERIN: composto chimico costituito da due gruppi alcolici primari ed uno seocndario; viene usato per integrare una componente idratante alla formula e donare una pelle compatta e luminosa; inoltre all'interno dei cosmetici aiuta anche a mantenere intatta l'umidità dei prodotti.
  • GLYCERYL STEARATE: impiegato come emulsionante, emolliente, tensioattivo e stabilizzante delle formulazioni cosmetiche e può essere di origine vegetale, animale o sintetica 
  • GLYCERYL STEARATE CITRATE: emulsionante idrofilo di origine vegetale 
  • PRUNUS AMYGDALUS DULCIS OIL: l'olio di mandorle dolci è molto indicato per pelli secche e sensibili, ruvide o secche. Possiede un grande numero di grassi insaturi come l'acido linoleico. Combatte invecchiamento cutaneo, prurito, accelera la guarigione di casi di dermatosi e lenisce la pelle arrossata. Aiuta inoltre a prevenire le smagliature ed elimina le impurità della pelle. 
  • CETEARYL ALCOHOL: emulsionante di origine vegetale, viscosizzante 
  • SQUALANE: squalano, un ingrediente cosmetico derivante da varietà di origine animale o vegetale dal potere emolliente; rappresenta il sostituto stabile della SQUALENE.  
  • HUMULUS LUPULUS EXTRACT: estratto del Luppolo, possiede proprietà antinfiammatorie e curative per la pelle danneggiata, oltre a stimolare la produzione di collagene; riepitelizzante, ammorbidente, rigenerante cutaneo, idratante, antiage, preventiva dell'invecchiamento cutaneo su pelli rilassate e con smagliature
  • PISUM SATIVUM EXTRACT: estratto dal pisello, schiarente sulle macchie di cutanee e preventivo della loro comparsa
  • LYCIUM BARBARUM FRUIT EXTRACT: estratto di goji, ricco di polisaccaridi ad azione antiossidante, vitamine A e C, carotenoidi, zeaxantina dal potere anch'esso antiossidante e protettivo. 
  • PANAX GINSENG ROOT EXTRACT: estratto di Ginseng dalle proprietà antiossidanti, reidratanti ed antiage (anti invecchiamento), rivitalizzante ed elasticizzante
  • XANTHAN GUM: gelificante di origine naturale
  • CAPRYLYL GLYCOL: glicole caprilico idratante, emolliente e antibatterico 
  • PHYTIC ACID: acido fitico, naturalmente contenuto nei cereali, possiede proprietà schiarenti, antinfiammatorie, chelanti e antiossidanti 
  • TOCOPHERYL ACETATE: vitamina E naturale, anche ad effetto conservante 
  • PHENETHYL ALCOHOL: alcohol aromatico naturale  
  • SODIUM HYDROXIDE: estratto dalla canna da zucchero, è un ottimo idratante ed esfoliante
  • ROSMARINUS OFFICINALIS LEAF: estratto di rosmarino, utile per combattere i radicali liberi e seboregolatore. E' anche un ottimo cicatrizzante. 
  • PARFUM 
COSA NE PENSO

 Prima di tutto parliamo della texture, molto corposa, densa e dal colore avorio, l'assorbimento è piuttosto rapido, in un paio di minuti la crema viene completamente assorbita dalla pelle e non lascia nè sensazione di unto nè sensazioni sgradevoli (ad esempio la sensazione appiccicosa che possono rilasciare alcune formule, come se la crema non fosse totalmente assorbita). Il profumo è molto forte e persistente, leggermente aspro sulla mia pelle, quasi a ricordare un mix di spezie orientali (sicuramente dato dal ginseng), ma affatto sgradevole, anzi questo tipo di profumazione mi è piaciuta molto.
L'ho utilizzata solo sul seno perchè qualche anno fa ho subito una drastica variazione di peso (quasi 10 kg in meno di un anno) ed ho subito un rilassamento sulla zona superiore della zona.
L'effetto rimpolpante è stato immediato come descritto dalle premesse consultabili anche sul sito, ho sentito la zona precedentemente rilassata molto più tesa e compatta e devo dire che la cosa mi ha davvero stupito, in quanto solitamente non è facile trovare una crema che effettivamente (per questa tipologia di trattamento) riesca immediatamente a darti un minimo di risultato.
In un mese di utilizzo costante, ho recuperato quella mezza taglia in più che precedentemente avevo perso con la variazione di peso.
E' stato davvero bello per me vedere la pelle del seno di nuovo soda e compatta (smagliature per fortuna non ne ho, quindi non ho potuto notare un effettivo riscontro schiarente dato dall'estratto di pisello) e tra i due prodotti corpo del brand, questo è stato in assoluto il mio preferito, anche per via della sua lista ingredienti davvero particolare.

LA CONSIGLIO?

Assolutamente si, soprattutto se avete dei medio-lievi rilassamenti su zona seno e glutei che volete cercare di migliorare/contenere.
L'efficacia del prodotto esiste ed è reale, tutto ciò che bisogna fare è essere costanti.



Si conclude con questo ultimo articolo la nostra esperienza con questo Brand, sono curiosa di sapere quale articolo avete apprezzato di più (se ne esiste uno!) e se avrete intenzione in futuro di provare qualche prodotto di questa bellissima realtà tutta Made in Italy.
Alla prossima recensione!

lunedì 13 gennaio 2020

Serie TV IL PROCESSO. Recensione personale


Come avete passato le vostre feste? Io in famiglia come al solito. Questa recensione dovevo farla già prima di natale, ma sono stata così tanto occupata con i preparativi che non ho avuto tempo di fare nulla. Oggi vi parlo di una MiniSerie andata in onda sulle reti Mediaset. No, non sono impazzita e non ho tradito Netflix con Mediaset e adesso vi racconto tutto. Una sera torno a casa prima del previsto e in tv davano la prima puntata di questa serie. Abituata al fatto che sulle reti mediaset trovare qualcosa di interessante è quasi impossibile ero pronta a vedere una di quelle serie allucinanti senza capo nè coda. Invece no. UDITE UDITE, la serie era davvero fatta bene. Però è evidente che la Mediaset ha seri problemi di gusti, perché da 4 puntate (in realtà 8), ne ha trasmesse 3 facendo taglia e cuci tra le scene. La mini serie è finita prima del tempo perché gli ascolti sono stati bassi. Al giorno dopo è stato annunciato che a causa degli ascolti bassi, non avremmo avuto la seconda stagione. Io e altri "esauriti" abbiamo deciso di iniziare una battaglia su twitter chiedendo a Netflix di caricare in piattaforma la prima stagione e di pensare anche alla seconda stagione. L'hashtag era #saveilprocesso. Dopo 2 giorni la prima stagione era in piattaforma. Un piacere rivederla a distanza di qualche giorno, sperando di vederne anche una seconda stagione.

IL PROCESSO

Wikipedia dice: Il processo è una serie televisiva italiana creata da Alessandro Fabbri, con la collaborazione di Laura Colella e Enrico Audenino. La serie è disponibile in streaming sulle piattaforme Mediaset Play e Netflix. La serie ha come protagonista un Pubblico Ministero di successo di nome Elena Guerra. La PM è prossima a prendersi un periodo di pausa lavorativa per recarsi a New York dove vive il marito. Il piano però non potrà realizzarsi poiché le viene assegnato un caso molto delicato la cui vittima è Angelica, una ragazza diciassettenne. Nel processo le si contrappone un noto avvocato penalista di nome Ruggero Barone, assunto come avvocato della difesa da una donna molto facoltosa, Linda Monaco, accusata di aver ucciso Angelica, che poi si scoprirà che e' la figlia naturale di Elena, che poi l'ha data in adozione. In seguito verrà tolto il caso ad Elena, ma lei non si arrende fino a quando scoprirà insieme all'avversario Barone che la colpevole è proprio l’assistita dell’avvocato, Linda Monaco, che avrebbe ucciso la ragazza in un momento di rabbia con un colpo di tacco in faccia.

CONSIDERAZIONI PERSONALI

Una serie davvero fatta molto bene, sia come trama che come scene. Gli attori sono davvero molto bravi. I punti di vista contrastanti tra l'avvocato pronto a vendere l'anima pur di vincere una battaglia in tribunale e salvare la propria amata e il PM che vuole la verità a tutti i costi, nascondendo anche la verità sconvolgente che la lega alla ragazza uccisa, viene fuori sin dalle prime scene. La fragilità di una PM con scheletri nell'armadio davvero troppo grandi per essere nascosti sembra sia stata cucita addosso sull'attrice. Una serie tv dal finale inaspettato ma davvero molto bello. Non l'avrei mai detto ma è una serie che consiglio e riconsiglio a chi ama il genere Thriller. Belle le scene girate a Mantova che mi riportano tanti ricordi piacevoli a galla. Tutto molto bello. Sinceramente a me dispiace sapere che la mediaset non sia interessata alla seconda stagione, perché un tentativo di rimetterlo in onda lo rifarei. Chiaramente adesso spero che Netflix possa pensare alla seconda stagione. 


venerdì 10 gennaio 2020

EcoBio Boutique, maschera viso Goji


Buon venerdì carissimi fan della skincare dalla vostra Chiara!
Come ogni nostro consueto appuntamento, anche oggi parleremo di una novità viso firmata EcoBio Boutique e si tratta della Maschera Viso Goji.
Questa maschera promette di rendere il viso immediatamente rimpolpato dall'interno, aiutando nella lotta a rughe e segni di età. Rimpolpa la pelle e ridona nuova vita al viso con una pelle distesa, compatta e di nuovo giovane.
Gli ingredienti contenuti al suo interno donano nutrimento, idratazione e luminosità in maniera naturale.
Il suo utilizzo è molto semplice: basta applicarne uno strato abbastanza spesso su tutta l'area del viso (precedentemente deterso e tamponato) che si intende trattare, evitando il contatto con la zona occhi e lasciare in posa tra i 10 ed i 20 minuti circa a seconda delle proprie necessità.
...Magari potreste testarla in un bel momento di relax davanti ad una bella tisana fumante ed un buon libro, in un'atmosfera molto hygge 😊
  • BURRO DI KARITE'
  • SQUALANE
  • OLIO DI JOJOBA
  • MACADAMIA
  • ACIDO IALURONICO
  • COLLAGENE
  • ESTRATTO DI GOJI



La texture è cremosa e leggermente densa, si presenta come una "pasta" nera uniforme dal profumo abbastanza gradevole ed al primo impatto anche leggermente fresca.

ANALISI DELL'INCI
  • AQUA
  • GLYCERIN: detto anche Glicerolo, è un composto chimico costituito da due gruppi alcolici primari ed uno seocndario; viene usato per integrare una componente idratante alla formula e donare una pelle compatta e luminosa; inoltre all'interno dei cosmetici aiuta anche a mantenere intatta l'umidità dei prodotti.
  • GLYCERYL STEARATE: il Gliceril stearato viene impiegato come emulsionante, emolliente, tensioattivo e stabilizzante delle formulazioni cosmetiche e può essere di origine vegetale, animale o sintetica
  • CETEARYL ALCOHOL: emulsionante di origine vegetale, viscosizzante
  • BUTYROSPERMUM PARKII BUTTER: burro di karitè, sostanza grassa di origine vegetale di colore giallo, semisolida a temperatura ambiente. Grazie alla presenza di una elevata quota di frazione insaponificabile, ricca in alcoli terpenici (karitene) e in minor quantità di fitosteroli, è un prezioso ingrediente naturale antirughe e antietà per il viso e il corpo, in grado di conferire alla cute compattezza ed elasticità. Il burro di Karitè contiene anche tocoferoli (Vitamina E) che agiscono come antiossidanti naturali.
  • ALCOHOL
  • GLYCERYL STEARATE CITRATE: emulsionante idrofilo di origine vegetale
  • SQUALANE: squalano, un ingrediente cosmetico derivante da varietà di origine animale o vegetale dal potere emolliente; rappresenta il sostituto stabile della SQUALENE.
  • CAPRYLIC/CAPRIC GLYCERIDES: PEG-6 emolliente idrofilo
  • SIMMONDSIA CHINENSIS SEED OIL: più conosciuto come Olio di Jojoba è ricco di antiossidanti naturali che lo rende perfettamente compatibile con la cute, è un potente emolliente sai per la cute che per i capelli.
  • MACADAMIA TERNIFOLIA SEED OIL: olio di Macadamia, un rigenerante dalle proprietà antiossidanti, emollienti e rigeneranti, utile per restituire la sua naturale idratazione a quelle tipologie di pelle che soffrono di secchezza. Non è comedogeno e può essere tranquillamente usato anche sulla pelle grassa e mista.
  • CI77499 (IRON OXIDE): ossido di ferro, pigmento di colore rosso o nero, colorante cosmetico
  • CHARCOAL POWDER: carbone vegetale, ingrediente cosmetico molto usato soprattutto in Giappone per le sue proprietà assorbenti, purificanti, esfolianti e detossinanti
  • HYDROLYZED HYALURONIC ACID:acido ialuronico a basso peso molecolare
  • XANTHAN GUM: gelificante di origine naturale
  • ETHYLHEXYLGLYCERIN: etilesilglicerina, composto sintetico di origine vegetale a funzione conservante utilizzato in alternativa ai parabeni
  • HYDROLYZED COLLAGEN: idrolizzato di collagene, tipologia di collagene ottenuto tramite idrolisi; aiuta ad aumentare la produzione di collagene, ad aumentare il turgore, compattezza e spessore della pelle
  • UNDECYLENIC ACID: emulsionante
  • PHENOXYETHANOL: conservante
  • LYCIUM BARBARUM FRUIT EXTRACT: stratto glicerico di goji dalle proprietà antiossidanti, antiage, tonificanti, protettive ed elasticizzanti
  • ALLANTOIN: alternativa all'urea, può essere di origine vegetale o sintetica. Possiede proprietà astringenti ed è utilissimo per le tipologie di pelle grassa ed impura. E' inoltre cicatrizzante, levigente e rigenerante
  • ACIDO CITRICO: regolatore del PH dalle proprietà chelanti,esfolianti e cheratolitiche
  • PHYTIC ACID: acido fitico, naturalmente contenuto nei cereali, possiede proprietà schiarenti, antinfiammatorie, chelanti e antiossidanti
  • TOCOPHERYL ACETATE: vitamina E naturale, anche ad effetto conservante
  • ROSMARINUS OFFICINALIS LEAF: estratto di rosmarino, utile per combattere i radicali liberi e seboregolatore. E' anche un ottimo cicatrizzante. 

COSA NE PENSO

 Ho provato a testare questa maschera ma, a causa della mia enorme ipersensibilità, reattività ecc. ad alcuni ingredienti della formula (presumo sia stata la concentrazione di Alcohol un poco più alta rispetto alla concentrazione media che sono solita usare all'interno delle maschere viso) , subito dopo i primi minuti di posa ho avvertito un innaturale senso di calore misto a prurito ed ho dovuto subito risciacquare via la maschera. Ciò che ho trovato sotto è stato un inequivocabile reazione allergica.


Si può notare come, soprattutto nella foto in basso a sinistra, ci sia uno stacco tra il rossore ed il normale colore della mia pelle non solo ai lati del collo, ma anche per tutta la zona del contorno occhi. Non sapendo se questa fosse una reazione naturale data dalla maschera, ho subito scattato le foto e le ho mostrate al brand, che gentilmente si è mobilitato insieme a me nel cercare di venire a capo della questione; certamente nessuno si sarebbe aspettato che la mia pelle avrebbe reagito così...!!! Avevamo presupposto una intolleranza al Goji essendo stata la mia prima esperienza con questa tipologia di ingrediente, ma fortunatamente per me non si trattava di questo, bensì di una banalissima mia personale intolleranza ad una percentuale troppo alta di Alcohol (come avevo accennato già prima, anche perchè sono andata anche per esclusione leggendo gli Inci di prodotti viso che mi diedero una reazione simile).


Per fortuna che esistono le amiche, quelle che ti supportano sempre...anche nel voler fare da cavie per te 😂 . Così, per darmi conferma della teoria che la reazione alla maschera fosse solo circoscritta alla mia persona, ho chesto alla mia amica F. di testare con me ANCHE questa maschera viso (perchè lei è la famosa amica di cui parlai anche all'interno della precedente recensione sulla Crema Anticellulite) e lei ne è stata davvero ENTUSIASTA, tanto da scattarmi come da prova una foto del prima e del dopo (con suo personale bonus del durante...!)
Si può notare nel Prima a sinistra un leggero rossore su guance e naso e delle macchie di pigmentazione della pelle leggermente più evidenti sulle guance.
La mia amica ha la pelle mista ed ha deciso di tenere in posa la maschera per il tempo massimo consigliato, ossia venti minuti.
La foto del Dopo sulla destra lascia vedere come: il rossore sia scomparso, la pelle appaia più uniforme e le macchie di pigmentazione sulle guance appaiano meno evidenti.
Mi ha anche detto di aver avvertito leggero effetto tensore e di sentire al tatto la pelle più morbida e riposata.

LA CONSIGLIO?

ASSOLUTAMENTE SI! Questa mia affermazione può essere data dagli effetti sul viso della mia amica (che dovrebbero essere i risultati VERITIERI della efficacia e dei risultati della maschera), perciò mi sento di consigliarla se non avete particolari sensibilità fuori dalla norma come me.
Ricordate sempre di scegliere i prodotti per la cura della vostra pelle con consapevolezza, e che non esistono prodotti adatti a tutti, ma prodotti che possono (con le giuste valutazioni del caso) fare al caso vostro.

Cosa ne dite dei risultati sul viso della mia amica? Non credete che anche voi questa maschera meriti di essere provata..?!?

Alla prossima recensione!

lunedì 6 gennaio 2020

Tolo Tolo recensione personale del nuovo film di Checco Zalone



Ho aspettato qualche giorno prima di recensirlo, per evitare di essere accusata di spoiler, anche se racconterò davvero poco della trama del film. A fine dicembre hanno aperto la prevendita dei biglietti per il nuovo film di Checco Zalone ed un mio amico ha deciso di prenotare anche per me. Mi sono detta "iniziare il nuovo anno con la comicità di Zalone è tutto ciò che mi serve". Il primo gennaio è arrivato e finalmente sono andata al cinema per vederlo.

TOLO TOLO

Vediamo cosa dice Wikipedia a riguardo:

Tolo Tolo è un film del 2020, scritto, diretto e interpretato da Checco Zalone, prodotto da Pietro Valsecchi. È uscito nelle sale cinematografiche il 1° gennaio 2020. Quinto episodio della saga di Checco Zalone, il film racconta l'attualità italiana con lo sfondo della crisi europea dei migranti.

CONSIDERAZIONI PERSONALI

Zalone racconta, con la solita leggerezza che lo contraddistingue, l'immigrazione e le grandi tragedie legate proprio a questo "fenomeno" come, per esempio, le traversate del deserto, la detenzione nei carceri Libici e le relative violenze, i barconi, i morti annegati e i porti chiusi. Lo fa senza risparmiare nulla e nessuno. Le stoccate ai politici nostri ed i componenti dell'europarlamento non mancano. Nessuno è esente, reddito di cittadinanza, aumenti IVA, porti chiusi, ONG, i reporter di guerra che sponsorizzano anche creme viso costosissime e poi parlano della fame nel mondo, i comunisti col rolex (permettetemi la citazione), i concorsi pilotati, l'italiano medio e il politico che dal nulla diventa tutto.  Per quel che mi riguarda, ho trovato davvero fuori luogo la presenza e la parodia di se stesso fatta da Nichi Vendola (davvero patetica), che forse in pensier suo pensava di far ridere, confermando e sottolineando quanto danno ha fatto nella mia regione con i suoi concetti filosofici ed inutili. Filosofia inutile se pensiamo a come sta messa la Puglia grazie al suo operato. Se solo avesse agito di più e parlato meno, saremmo tutti più contenti. Va beh, cambiamo discorso va, che Vendola ha occupato anche troppo spazio sul mio blog.  Il film è bello, la storia anche. Non è una "Zalonata" e sinceramente mi aspettavo da Checco Zalone più risate e meno spunti di riflessione. Mi spiego meglio. Negli altri film ha fatto ridere e poi riflettere, in questo ha fatto riflettere e poi ridere. Troppi vuoti tra una battuta simpatica e l'altra; sarà perchè la sottoscritta, da Zalone, si aspettava gli occhi gonfi di lacrime per le troppe risate, proprio come gli altri suoi film? Ho pensato che sia una cosa voluta. Un voler staccare dal personaggio comico che si è cucito addosso. Ma sappiamo tutti che chi ha provato in passato a slegarsi dal personaggio che si è costruito non ha fatto una bella fine. All'uscita dal cinema il malumore generale era molto evidente. Ci aspettiamo questi film così da altri attori. Da Checco Zalone ci aspettiamo l'ilarità, le battute ignoranti, le canzoni tipo "Angela" o "Dove ho sbagliato" o "I Uomini Sessuali". Inizialmente ho pensato che Zalone, forse, ha effettuato un passaggio a film più profondi e riflessivi, ma a pensarci bene, per effettuare questo cambiamento quasi radicale, avrebbe dovuto avvisare il pubblico e non venirsene fuori come lui ha fatto qualche giorno prima, con il singolo "IMMIGRATO", dal chiaro timbro Zaloniano; quasi a voler dire a tutti che è tornato più carico di prima e poi però ci piazza un film che non è il suo stile. Che sia chiaro, bastava qualche battuta in più. Il film record di incassi al cinema, ma anche record di malumori fuori dal cinema. Un qualsiasi attore, anche non comico poteva prendere il suo posto in questo film, infatti non so perché ho immaginato Bisio e Gassmann al suo posto. Mancavano anche le sue facce buffe che tutti ricordiamo e che abbiamo ammirato nel lancio media del suo singolo "immigrato". Mancavano parecchie cose. Spero di aver valutato male e di potermi ricredere rivedendo prossimamente il film, ma inevitabilmente credo sia arrivato l'inizio della fine anche per lui. Mi dispiace tanto, perché adesso a distanza di anni, i suoi film mi fanno ridere ancora come la prima volta e in TOLO TOLO la mancanza di Zalone si è fatta sentire, almeno nella mia testa.

venerdì 3 gennaio 2020

EcoBio Boutique, Crema Goji Anticellulite


Buon 2020 perfettin* dalla vostra skincare addict Chiara!
Inauguriamo il nuovo anno con una nuova recensione sempre firmata EcoBio Boutique , con un prodotto che sicuramente vorremo tutte avere per aiutarci a rimetterci in forma al meglio: il prodotto in questione è la Crema Goji Anticellulite!

Questa crema è un trattamento cosmetico che aiuta a ridurre gli inestetismi della cellulite e modellare il proprio corpo.
  • La CENTELLA ASIATICA ricostruisce il tessuto connettivo stimolando la produzione di collagene, favorisce un miglioramento a livello circolatorio ed aiuta ad eliminare liquidi e grassi localizzati
  •  L'estratto di IPPOCASTANO possiede proprietà vasoprotettrici ed antinfiammatorie che, associate all'estratto di ANANAS (ricchissimo di bromelina dalle proprietà drenanti) aiutano in maniera graduale a ripristinare la naturale silhouette del nostro corpo.


ANALISI DELL'INCI:


  •  AQUA
  • VITIS VINIFERA SEED OIL: l'olio di vinacciolo (uva) è un potente antiossidante naturale, protettivo delle membrane cellulari e ricco di polifenoli e tocoferoli naturali. Rigenerante, riequilibra la cheratinizzazione della pelle e promuove la capacità di assorbimento della pelle.
  • BUTYROSPERMUM PARKII BUTTER: burro di karitè, sostanza grassa di origine vegetale di colore giallo, semisolida a temperatura ambiente. Grazie alla presenza di una elevata quota di frazione insaponificabile, ricca in alcoli terpenici (karitene) e in minor quantità di fitosteroli, è un prezioso ingrediente naturale antirughe e antietà per il viso e il corpo, in grado di conferire alla cute compattezza ed elasticità. Il burro di Karitè contiene anche tocoferoli (Vitamina E) che agiscono come antiossidanti naturali.
  • SIMMONDSIA CHINENSIS SEED OIL: più conosciuto come Olio di Jojoba è ricco di antiossidanti naturali che lo rende perfettamente compatibile con la cute, è un potente emolliente sai per la cute che per i capelli.
  • GLYCERIN: detto anche Glicerolo, è un composto chimico costituito da due gruppi alcolici primari ed uno seocndario; viene usato per integrare una componente idratante alla formula e donare una pelle compatta e luminosa; inoltre all'interno dei cosmetici aiuta anche a mantenere intatta l'umidità dei prodotti.
  • GLYCERYL STEARATE: il Gliceril stearato viene impiegato come emulsionante, emolliente, tensioattivo e stabilizzante delle formulazioni cosmetiche e può essere di origine vegetale, animale o sintetica
  • PRUNUS AMYGDALUS DULCIS OIL: l'olio di mandorle dolci è molto indicato per pelli secche e sensibili, ruvide o secche. Possiede un grande numero di grassi insaturi come l'acido linoleico. Combatte invecchiamento cutaneo, prurito, accelera la guarigione di casi di dermatosi e lenisce la pelle arrossata. Aiuta inoltre a prevenire le smagliature ed elimina le impurità della pelle.
  • GLYCERYL STEARATE CITRATE: emulsionante idrofilo di origine vegetale
  • SQUALANE: squalano, un ingrediente cosmetico derivante da varietà di origine animale o vegetale dal potere emolliente; rappresenta il sostituto stabile della SQUALENE.
  • CETEARYL ALCOHOL: emulsionante di origine vegetale, viscosizzante
  • AESCULUS HIPPOCASTANUM BARK EXTRACT: corrisponde all'Estratto di corteccia di Ippocastano dalle proprietà vasoprotettive, astringenti e antiedemigene contro sintomi da stasi venosa delle gambe e cattiva circolazione del plesso emorroidale; protettore del microcircolo, aiuta a mantenere integro il tessuto connettivo
  • CENTELLA ASIATICA LEAF EXTRACT: chiamata anche Erba di Tigre, èuna delle piante officinali più diffuse ed utilizzate nella medicina ayurvedica; all'interno di formule specifiche per i prodotti corpo, aiuta a stimolare la produzione di collagene, è antibatterica, stimola la circolazione sanguigna e aiuta a ridurre le cicatrici
  • LYCIUM BARBARUM FRUIT EXTRACT: estratto di goji, ricco di polisaccaridi ad azione antiossidante, vitamine A e C, carotenoidi, zeaxantina dal potere anch'esso antiossidante e protettivo.
  • ANANAS SATIVUS FRUIT EXTRACT: l'Ananas contiene naturalmente bromelina, ad azione proteolitica e anti-edemigena la cui funzione principale è quella di migliorare il microcircolo. Possiede inoltre proprietà lenitive e disarrossanti ed aiuta a combattere efficacemente gli inestetismi della cellulite favorendo il drenaggio dei tessuti edematosi e migliorando la permeabilità capillare.
  • TOCOPHERYL ACETATE: vitamina E naturale, anche ad effetto conservante
  • XANTHAN GUM: gelificante di origine naturale
  • PHYTIC ACID: acido fitico, naturalmente contenuto nei cereali, possiede proprietà schiarenti, antinfiammatorie, chelanti e antiossidanti
  • CAPRYLYL GLYCOL: glicole caprilico idratante, emolliente e antibatterico
  • ROSMARINUS OFFICINALIS LEAF: estratto di rosmarino, utile per combattere i radicali liberi e seboregolatore. E' anche un ottimo cicatrizzante.
  • PROPYLENE GLYCOL: noto anche come glicole propilenico, è una componente utile ad assorbire l'umidità, quindi fortemente umettante
  • PHENETHYL ALCOHOL: alcohol aromatico naturale
  • SODIUM HYDROXIDE: estratto dalla canna da zucchero, è un ottimo idratante ed esfoliante
  • PARFUM

COSA NE PENSO 

Avendo già in precedenza testato (verso Maggio/Giugno) un kit per la mia tipologia di cellulite (edemato-fibrosa al terzo stadio), ed avendo con essa riscontrato soddisfacenti risultati, la situazione della mia cellulite al giorno d'oggi è certamente diversa rispetto a prima, molto più blanda.
Ho voluto fare questa premessa perchè trattandosi di una condizione fisica differente ho cercato di essere più imparziale possibile.
La texture della crema è molto corposa ed a lento assorbimento, necessita di qualche minuto per essere assorbita totalmente; nonostante tutto, questo non è certamente un difetto in quanto un maggiore massaggio della parte da trattare stimola maggiormente il microcircolo ed un assorbimento più profondo degli attivi della crema. Suggerisco, qualora lo possediate, di supportare il massaggio con l'aiuto di una spazzola in legno o un dispositivo manuale per il massaggio (in questo momento sono anche in vendita presso tutti i punti vendita Tiger per pochi euro) che, grazie alla loro studiata conformazione, aiutano sia a stancarsi meno, sia a mantenere un ritmo più costante, sia a potenziare l'assorbimento.
Ne basta davvero poca per una ampia zona di trattamento e questo vi permetterà di arrivare comodamente alla tempistica di trattamento consigliata per ottenere dei risultati visibili (60 giorni).
Come dico sempre: non esistono i prodotti miracolosi, quindi ci vuole costanza ma soprattutto accortezza!
Evitate più possibile una vita totalmente sedentaria, prediligendo movimento fisico più possibile (anche scegliere le scale al posto della comodità dell'ascensore può essere già qualcosa...), evitate di eccedere con il sale (che è dannosissimo e favorisce una maggiore ritenzione idrica), bevete almeno 1,5lt/2lt di acqua al giorno ed evitate più possibile dolci, fumo, alcolici o bevande eccessivamente zuccherate e ricordate di essere costanti e rispettare come da istruzioni l'applicazione due volte al giorno. Tante piccole accortezze possono davvero fare la differenza.
Il profumo, grazie alla presenza dell'Ananas al suo interno, è leggermente dolce e tropicaale, davvero piacevole; non permane a lungo sulla pelle, quindi non risulta fastidioso per tutte quelle persone che non amano sentire profumi addosso.
Gli effetti della crema si notano, la pelle risulta più asciutta e compatta ed il microcircolo viene attivato favorendo meno dolore e sensazione di gambe meno gonfie.

LA CONSIGLIO?

Supportata con i piccoli suggerimenti citati sopra e, magari, anche con l'aiuto di uno scrub sotto la doccia, sicuramente noterete grazie a questa crema dei grossi cambiamenti nelle vostre gambe.
Personalmente, per correttezza, siccome ho già accennato di aver avuto già dei mutamenti con un precedente kit di un altro brand, ho voluto "dimezzare" le tempistiche di dosaggio consigliati e ridurre la mia costanza a 30 giorni, cedendo gli altri 30 ad una mia amica che presenta un "quadro clinico" ben più grave del mio per meglio confrontare sia le impressioni finali che i risultati: lei ha subito negli anni non solo repentini cambiamenti di peso, ma è anche un soggetto che è stata costretta ultimamente ad una vita sedentaria (da ex frequentatrice di palestra) ed è anche un soggetto fumatore. Quindi, con queste premesse, potrete dedurre che presenta uno stadio di cellulite che si potrebbe identificare come un intermezzo tra cellulite molle e cellulite fibrosa.
Premessa sulle differenze tra i due stadi di cellulite:
  • la Cellulite Molle è la tipologia di cellulite che colpisce le donne che precedentemente svolgevano assidua attività fisica ma che a causa di varie motivazioni o repentini cambiamenti di peso, conducono ora una vita piuttosto sedentaria. Questa cellulite viene anche chiamata "cellulite flaccida" perchè presenta dei noduli sclerotizzati mobili; ha una zona di diffusione molo più ampia rispetto alle altre tipologie di cellulite perchè essa si muove liberamente nello strato superficiale tra muscolo e pelle e si affossa in pieghe e noduli gelatinosi.
  • la Cellulite Fibrosa manifesta un importante ristagno linfatico dove presenta dei ristagni e dei noduli palpabili e maggiormente evidenti, che alle volte potrebbe anche causare del dolore. Se la pelle viene compressa assume dei toni violacei.
Nel prossimo mese (intorno a fine Febbraio circa) aggiornerò l'articolo con le sue considerazioni finali ed i suoi progressi.

Alla prossima recensione!

giovedì 2 gennaio 2020

Dove la terra trema. Recensione Personale Film


Netflix da qualche giorno mi sta proponendo sempre il trailer di "Dove la terra Trema" ed oggi, dopo l'ennesima proposta di questo trailer, ho deciso di vedere il film in compagnia del mio ragazzo, un po' più incline ai thriller ed agli enigmi. Vediamo di cosa tratta:

DOVE LA TERRA TREMA


Wikipedia dice: Dove la terra trema (Earthquake Bird) è un film del 2019 scritto e diretto da Wash Westmoreland. Il film è basato sull'omonimo romanzo di Susanna Jones. Nel 1989 la giovane inglese Lucy Fly si trasferisce a Tokyo, dove inizia a lavorare come traduttrice. Ben presto inizia un triangolo amoroso con la connazionale Lily e con un fotografo locale di nome Teiji. Quando Lily scompare, Lucy viene sospettata del suo omicidio.

CONSIDERAZIONI PERSONALI

Questo film supera di gran lunga la lista di quei film con trame che cercavo di capire, discutendone con quei finti radical chic tutto "musica indie" e "semi di zucca bio senza sale" che frequentavo quando vivevo a Forlì. Un'ora e quarantasei minuti di dialoghi, quasi sempre a due, lenti ma così lenti che quell'ora e quarantasei sembrava non passasse più. La storia è carina, trasmette anche qualcosa di positivo, ma le scene ed i dialoghi sono davvero molto flemmatici. Per essere un film del genere Thriller/Drammatico mi aspettavo un po' di azione, invece no: una coppia, una ragazza che si intromette nella coppia e la conclusione scontata della fine di un' amore e di una vita. Dove la terra trema, l'uccello del terremoto, mi aspettavo pure qualche terremoto in più (se non vero), possibilmente nella storia a tre, tra la visionaria, il pazzo e la spregiudicata. Invece è tutto un dialogo silenzioso e apatico che annoierebbe chiunque. In un'ora e quarantesei minuti nessuno ha gridato, nessuno ha avuto una crisi isterica, nessuno ha spaccato nulla. Come si fa? La tua amica ti ruba il ragazzo psicopatico e tu non fai nulla, proprio nulla? Ma davvero dite? Carine alla fine di tutto le inquadrature sui paesaggi Giapponesi. Secondo il mio parere, si poteva strutturare meglio il tutto, con qualche azione tra un dialogo e l'altro e alzando leggermente il "volume" dei dialoghi. Non posso pensare che là fuori la gente si ammazza ed io tranquillamente me ne sto sul mio futon a piangere senza stropicciare gli occhi, incolpandomi di cose non fatte, pur di stare in pace con me stessa. Non mi piace neanche come sia finita la storia tra i due protagonisti. Se c'era un messaggio nascosto vi giuro che non sono riuscita a capirlo. Bisogna perdonare e non dimenticare? Bisogna reagire ad un amore malato ponendo fine a tutto? Perché muoiono tutti con un buco in testa? Mah. Un giorno l'umanità mi ringrazierà, nel frattempo pop corn per tutti dalla vostra Sonia

lunedì 30 dicembre 2019

EcoBioBoutique crema viso con bava di lumaca, la cosmetica di qualità tutta naturale e Made in Italy




Bentornati sul blog perfettin* dalla vostra skincare-addict Chiara!
Come avete passato questa Vigilia, avete ricevuto tanti bei regali? Oggi sono qui per parlarvi di una collaborazione ricevuta un mese fa circa da Eco Bio Boutique la quale ha deciso che PerfettamenteImperfetta e la suddetta avessero i requisiti adatti per parlare dei suoi prodotti....e non potete capire quale sia stata la mia gioia! Ho scelto in tutto quattro referenze, due viso e due corpo, da descrivervi nel dettaglio per singolo articolo. Oggi il primo prodotto che vi andrò a recensire è la Crema Viso con Bava di Lumaca. Però prima facciamo una bella premessa per capire anche CHI E' questo brand, la sua filosofia e la scelta degli ingredienti

CHI E' ECO BIO BOUTIQUE
  
Eco Bio Boutique è un brand totalmente Made in Italy che utilizza solo prodotti 100% naturali e controllati.La sua accurata attenzione alla ricerca ed allo studio di formule che si possano meglio adattare a qualsiasi tipologia di pelle, rende questo brand uno dei leader nel settore della cosmetica per creazione e ricerca fin dal 2000. Altro punto a favore del brand, è che tutti i prodotti sono totally Cruelty Free, certificati dal ministero della Salute secondo il Regolamento (CE) n. 1223/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio del 30 Novembre 2009 sui prodotti cosmetici.

CREMA VISO ANTIRUGHE CON BAVA DI LUMACA

La crema viso con bava di lumaca è un valido alleato per attenuare naturalmente piccoli segni e rughette di espressione causate da stress o da fatica. La Bava di Lumaca è un prezioso ingrediente che contiene al suo interno tantissimi attivi utili alla rigenerazione dell'epidermide tramite esfoliazione, rinnovamento cellulare e idratazione.
  • ALLANTOINA
  • COLLAGENE
  • ACIDO GLICOLICO
  • ACIDO LATTICO
  • ANTI-PROTEASI
  • VITAMINE E MINERALI
Questo perfetto mix di nutrienti contribuiscono infatti a mantenere la pelle perfettamente idratata. E' una formula così ricca e preziosa che può essere utilizzata sia giorno che sera, che come base make-up.


ANALISI DELL'INCI:
  • AQUA
  • BUTYROSPERMUM PARKII BUTTER: burro di karitè, sostanza grassa di origine vegetale di colore giallo, semisolida a temperatura ambiente. Grazie alla presenza di una elevata quota di frazione insaponificabile, ricca in alcoli terpenici (karitene) e in minor quantità di fitosteroli, è un prezioso ingrediente naturale antirughe e antietà per il viso e il corpo, in grado di conferire alla cute compattezza ed elasticità. Il burro di Karitè contiene anche tocoferoli (Vitamina E) che agiscono come antiossidanti naturali.
  • GLYCERIN: detto anche Glicerolo
  • GLYCERYL STEARATE: il Gliceril stearato viene impiegato come emulsionante, emolliente, tensioattivo e stabilizzante delle formulazioni cosmetiche e può essere di origine vegetale, animale o sintetica
  • PRUNUS AMYGDALUS DULCIS OIL: l'olio di mandorle dolci è molto indicato per pelli secche e sensibili, ruvide o secche. Possiede un grande numero di grassi insaturi come l'acido linoleico. Combatte invecchiamento cutaneo, prurito, accelera la guarigione di casi di dermatosi e lenisce la pelle arrossata. Aiuta inoltre a prevenire le smagliature ed elimina le impurità della pelle.
  • SIMMONDSIA CHINENSIS SEED OIL: più conosciuto come Olio di Jojoba è ricco di antiossidanti naturali che lo rende perfettamente compatibile con la cute, è un potente emolliente sai per la cute che per i capelli.
  • CETEARYL ALCOHOL: emulsionante di origine vegetale, viscosizzante
  • GLYCERYL STEARATE CITRATE: emulsionante idrofilo di origine vegetale
  • VITIS VINIFERA SEED OIL: l'olio di vinacciolo (uva) è un potente antiossidante naturale, protettivo delle membrane cellulari e ricco di polifenoli e tocoferoli naturali. Rigenerante, riequilibra la cheratinizzazione della pelle e promuove la capacità di assorbimento della pelle.
  • SNAIL SECRETION FILTRATE: bava di lumaca filtrata
  • LYCIUM BARBARUM FRUIT EXTRACT: estratto glicerico di goji dalle proprietà antiossidanti, antiage, tonificanti, protettive ed elasticizzanti
  • HYDROLYZED HYALURONIC ACID: acido ialuronico a basso peso molecolare
  • GLYCERYL CAPRYLATE: ottenuto dalla reazione della glicerina con l'acido caprilico, è un emulsionante, un co-emolliente ed un anti microbico
  • GLYCERYL UNDECYLENATE: l'acido undecilenico si ottiene dall'olio di ricino e viene utilizzato ccome anti microbico ed emulsionante
  • TOCOPHERYL ACETATE: vitamina E naturale, anche ad effetto conservante
  • XANTHAN GUM: gelificante di origine naturale
  • PHYTIC ACID: acido fitico, naturalmente contenuto nei cereali, possiede proprietà schiarenti, antinfiammatorie, chelanti e antiossidanti
  • BENZYL ALCOHOL: conservante di origine organica. Benzyl alcohol si trova in natura in diverse piante, in particolare è il componente di alcuni oli essenziali, come gelsomino, neroli, violetta, ylang-ylang.
  • ROSMARINUS OFFICINALIS LEAF: estratto di rosmarino, utile per combattere i radicali liberi e seboregolatore. E' anche un ottimo cicatrizzante.
  • SODIUM HYDROXIDE: estratto dalla canna da zucchero, è un ottimo idratante ed esfoliante
  • PHENETHYL ALCOHOL: alcohol aromatico naturale
  • CAPRYLYL GLYCOL: glicole caprilico idratante, emolliente e antibatterico
  • PARFUM
COSA NE PENSO

Ho potuto testare questa crema fin da subito, capitata fortunatamente in un momento in cui ero reduce da smaltimento della mia ultima crema giornaliera e, dopo quasi un mese, posso darvi la mia valutazione in merito dopo aver utilizzato già poco oltre 1/3 della confezione.
Prima di tutto parliamo del packaging a mio avviso davvero molto pratico e funzionale, con il tappo erogatore sottovuoto per evitare che vi siano infiltrazioni d'aria o di pulviscoli esterni che possano rischiare di compromettere la formula; l'erogatore fornisce ad ogni pump la dose di prodotto perfetta per tutto il viso. Bianco, dal design pulito ed essenziale, compatto ed eventualmente anche facile da portare sempre con sè.
Secondariamente parliamo del profumo della crema, davvero dolce e delicato, per nulla stucchevole e che permane per un paio d'ore anche sulla pelle senza dar fastidio; a me piace particolarmente anche perchè mi ricorda vagamente il profumo delle creme e dei detergenti a base di Avena che usavo da piccola per via della mia dermatite allergica (sono a conoscenza che nella formula non vi è alcuna traccia di avena, ma la mente associa in maniera molto strana e personale i profumi a vecchi ricordi...non trovate?!?). La texture è molto particolare, perchè ha la densità delicata di un siero ma il nutrimento e la "corposità" di una crema; proprio per la sua particolarità, ben si presta ad essere usata come base make-up, si stratifica volentieri dando la possibilità di scegliere il grado di nutrimento più adatto alle nostre esigenze, si spalma come una crema in quanto ha quel tanto di corposità che basta per permettere un leggero massaggio sul viso. Si assorbe in fretta senza ungere, non trasuda, non lascia residui bianchi sul viso, non dona sensazione di pesantezza ma anzi, sembra quasi di non averla addosso. Ha alleviato considerevolmente anche i danni da dermatite da stress che, soprattutto durante le feste Natalizie, hanno compromesso considerevolmente la mia pelle che già nella normalità è molto fragile e sensibile. Come base make-up prolunga l'idratazione e mantiene intatta la base più a lungo ed inoltre consente di schiarire gradualmente le fastidiose macchie da brufolo o da cicatrice. Cicatrizza in fretta e contribuisce a sfiammare eventuali zone soggette ad irritazione, per me è stata la crema protagonista di tutta la stagione fredda.

LA CONSIGLIO?

Ho già sperimentato altre formule a base di bava di lumaca, ma questa la consiglio sia perchè apprezzo il fatto che combini alla perfezione leggerezza con idratazione, sia per la particolarità di ingredienti che compongono il suo INCI. Il prezzo del prodotto è perfettamente proporzionato alla qualità che si viene a presentare, inoltre la durata della crema, usata quotidianamente ed anche per più di due volte al giorno, vi permetterà di godere dei suoi benefici almeno per un paio di mesi. 

E' un brand di cui non avevo mai sentito nominare e sono stata davvero contenta di aver avuto possibilità di conoscerlo...meriterebbe di avere più visibilità. Nelle prossime settimane parlerò con voi delle altre referenze facente parte dello stesso brand che ho avuto modo di testare: la crema anticellulite, la crema rassodante seno e glutei e la maschera viso.

Alla prossima recensione!

venerdì 27 dicembre 2019

Vacanza low cost a Firenze? Ecco come organizzarla!


Pochi giorni e budget relativo per organizzare una fuga dalla routine? Niente panico, abbiamo la soluzione! 

Low cost non vuol dire low quality! 

Molte persone credono che un viaggio low cost sia sinonimo di un viaggio di bassa qualità. Non è per nulla vero che bisogna adattarsi a strutture scadenti ma, al contrario, è possibile trovare molti Hotel economici a Firenze senza rinunciare a qualità e relax, per godersi la città al 100%! Dopo aver scelto l’hotel ideale, è il momento di cominciare a programmare il tour della città, senza mancare le tappe tradizionali e scoprendo qualcosa di più sulla meravigliosa città gigliata.

Firenze e street food, un binomio da consacrare! 

Efficace se si ha poco tempo e molta voglia di scoprire, è cominciare con lo street food. La città, infatti, nasconde molte piccole osterie dove assaggiare la tipica focaccia con la finocchiona, perfetta per una breve pausa tra un giro agli Uffizi ed una passeggiata in centro storico.
Altra golosità fiorentina da non poter mancare, sicuramente è il panino con il lampredotto, venduto da diversi chioschetti in giro per le vie del centro. Il profumo del sugo che sobbolle, invade le vie di Firenze già dalla tarda mattinata, mettendo a dura prova anche la dieta più ferrea!
La cucina fiorentina, inoltre, offre molti piatti tipici di cui innamorarsi al primo assaggio, prima tra tutti la Regina della Città, la Fiorentina, bistecca simbolo del buon mangiare toscano, così come la Ribollita, zuppa di pane tradizionale amata tanto dai fiorentini quanto dai turisti che attraversano la regione! Un’altra prelibatezza da non lasciarsi sfuggire è sicuramente la pappa al pomodoro, piatto semplice e amato da grandi e piccini, per chiudere con un bicchiere di Vin Santo e cantucci, nelle numerose pasticcerie del centro!

Firenze in due giorni, le tappe immancabili 

Un tour completo di Firenze non può che cominciare in Piazza del Duomo, in cui ammirare la Cattedrale di Santa Maria del Fiore, il Battistero con le formelle della Porta del Paradiso di Ghiberti, ed il Campanile di Giotto, che offre un panorama unico sulla città.

Poco distante troviamo Piazza della Signoria, a cui si arriva da via dei Calzaiuoli. La vista si apre sulla meravigliosa piazza in cui il Palazzo Vecchio troneggia, circondato dalla Fontana del Nettuno e dall'esposizione permanente di diverse statue, oltre alla replica del David di Michelangelo, in una coinvolgente danza di personaggi leggendari.
Non possiamo non menzionare la Galleria degli Uffizi, come tappa must della nostra visita anche se il rischio di trovare code infinite davanti all'ingresso è molto alto, perciò conviene prenotare i biglietti online, con il giusto anticipo. Uscendo dagli Uffizi, Ponte Vecchio è a pochi passi e ancora oggi rappresenta il vero simbolo di Firenze nel mondo! 

Ora non rimane che scegliere il nostro hotel e dedicarci per due giorni solo ed esclusivamente ad ammirare (e assaggiare) il bello ed il buono del capoluogo toscano, buon divertimento! 

lunedì 23 dicembre 2019

Un Cavaliere per Natale. Recensione Personale del Film



Domani è la vigilia di Natale ed io ovviamente ho programmato i film da vedere per le feste. Oggi  mi è arrivata una richiesta insolita tramite mail. Vi dico insolita perché mai mi sarei aspettata che una ragazza, dopo aver letto le recensioni dei film, potesse scrivermi una mail per chiedermi:

Ho fatto l'abbonamento a Netflix dal 10 dicembre. Ho visto tutti i film che hai recensito. (Mi mancano le serie tv). Sono stata lasciata dal mio ragazzo e passerò la vigilia di natale a casa da sola, mentre il 25 sono dai miei tutta la giornata. Mi daresti un titolo di un film presente su Netflix, possibilmente nuovo, che sia davvero molto bello e che mi faccia credere nel lieto fine?

Innanzitutto mi spiace per quello che ti sta accadendo. Essere mollati a Natale, non è proprio bello. Per quel che mi riguarda essere mollati a dicembre è davvero una cattiveria mostruosa perché, il clima di festa non giova alla salute psicofisica di chi passerà queste festività da soli. Mi piace l'idea che tu possa reagire e accorgerti di non aver bisogno di nessuno ma la vedo davvero molto dura. Riguardo al titolo del film, non ho trovato molto, poi mi sono ricordata di un film che ho visto un mese fa e che credevo fosse il solito film romantico di Natale che avrei bocciato. Invece no, mi è piaciuto anche tanto!!! Non l'ho recensito perché non ho avuto davvero tempo ma la tua mail mi ha fatto venire voglia di farlo

UN CAVALIERE PER NATALE 

Wikipedia dice:
Un cavaliere per Natale (The Knight Before Christmas) è un film del 2019 diretto da Monika Mitchell. Brooke è un'insegnante di scienze estremamente disillusa riguardo all'amore; mentre guida la propria macchina, compare all'improvviso davanti a lei un uomo che indossa un'armatura. I due fanno conoscenza, e Brooke scopre che il giovane si chiama Cole Christopher Frederick Lyons, è un cavaliere proveniente dal XIV secolo ed è giunto nel futuro a causa dell'incantesimo di una strega. Cercando di risolvere la situazione, i due iniziano però a sentirsi attratti l'un l'altro.[...]

CONSIDERAZIONI PERSONALI

Si tratta di una commedia romantica che entra di diritto nell'universo cinematografico dei film natalizi. In realtà la storia non è del tutto originale, mi porta alla mente infatti, un altro film con trama simile.  Kate&Leopold interpretato da Meg Ryan e Hugh Jackman ma se considerate che, qualsiasi film a me ricorderà qualche altro film già visto, non dovete farci tanto caso a questo. A differenza di altri film che ho bocciato nelle mie precedenti recensioni, questo film ha un quid in più. Non so spiegarvi cosa. L'attrice è davvero molto bella.  Nel film ci sono delle citazioni molto carine  sempre legate al Natale e a Netflix, come per esempio il film produzione Netflix "Holiday in the Wild" e il paese "Aldovia" presente nei film "un Principe per Natale" (e suoi sequel), quasi a voler creare una inter-connessione tra questo film e Netflix. In una scena ho pianto, ma non vi dico quale. Un film che dà largo spazio all'amore. Quell'amore vero che tutti dovremmo conoscere. Tenete presente che entrambi i protagonisti hanno necessità di conoscere l'amore. Lei deve farlo perché dopo essere stata lasciata dal suo fidanzato, non crede più in esso e lui perché ha necessità di recuperare il suo cavallo. Il finale non è per nulla scontato. Conoscerete le lacrime di chi ama una persona che improvvisamente sparisce. Sempre lì torniamo. Sempre quella è la domanda che ci poniamo "dove vanno le persone che improvvisamente spariscono? " Questo film vi darà una risposta. Lo consiglio vivamente a chi mi ha scritto, affinché possa di nuovo credere nella magia del Natale e nell'amore. Pop Corn questa volta solo per te. Anche se può sembrare una presa per il culo, Buon Natale. Un abbraccio Sonia.

venerdì 20 dicembre 2019

Un gesto d'amore, la mia scelta di donare i capelli per i malati oncologici



Buongiorno lettrici del blog dalla vostra Chiara, oggi non voglio parlarvi di skincare ma di un progetto sociale che, secondo me, meriterebbe di avere la giusta visibilità: parliamo di donazione di capelli.
Quest'anno ho voluto tagliare i capelli, dopo ben due anni e mezzo che non lo facevo, per donare i miei capelli in favore di chi, a causa di gravi malattie, si ritrova a perderli in seguito a pesanti terapie farmacologiche o problemi di tipo dermatologico.
Non è stata fin da subito questa la mia intenzione, in verità volevo inizialmente solo liberarmi di 5/6cm di lunghezze giusto per alleggerire la mia massa complessiva.
Poi ho pensato: e se qualche cm in più aiutasse qualche persona in difficoltà?!?
La mia enorme empatia e sensibilità mi ha portato ad immedesimarmi in qualcuno che si vedesse costretto a perdere i capelli, a come potesse sentirsi; per me i miei capelli sono stati una protezione, un'armatura contro il mondo esterno. Ho smesso di tagliarli proprio in corrispondenza dell'inizio di un bruttissimo periodo psicologico per me, colmo di perdite sia di affetti che di progetti che vedevo sfumare e farsi polvere tra le mie dita facendomi sentire impotente; mi sono dedicata a loro lavandoli con prodotti biologici, maschere ed impacchi, allo scopo di farli crescere sempre di più: mi facevano sentire sicura.
Non erano semplici capelli, ma nascondevano tanto altro.
Quindi perchè non dare questa sensazione di protezione anche a chi si trovava in questa terribile situazione e magari, come me, aveva fatto dei suoi capelli un'armatura esattamente come avevo fatto io con i miei...?!?
Alle volte perdere la propria chioma in seguito ad aggressive chemioterapie o malattie può scatenare nel malato stesso un meccanismo pericolosissimo: il malato potrebbe perdere la voglia di stare in mezzo agli altri, potrebbe chiudersi in se stesso, sentirsi trattato diversamente/sentirsi compatito per la sua evidente situazione di salute, potrebbe deprimersi e tutto questo potrebbe anche influenzare la sua capacità di guarigione.
Affrontare una malattia come il cancro è già di per sè una esperienza devastante, ma affrontare anche nella società le conseguenze del cambiamento estetico della terapia, può essere un trauma così grande da sbriciolare ancora di più la fiducia in se stessi.


Tra le tante associazioni che si occupano di realizzare parrucche per i malati oncologici, la mia scelta è ricaduta sull'associazione TRICOSTARC con sede a Roma ed il suo Progetto Smile.

CHI è TRICOSTARC

Tricostarc è uno studio tricologico che si occupa di offrire soluzioni personalizzate a chi soffre di calvizie di derivazione dermatologica o oncologica.
Negli ultimi anni si è fortemente impegnata nel sociale per sostenere tutte quelle persone che non hanno possibilità economica e quindi possibilità di sostenere le spese tricologiche necessarie.
La Tricostarc lavora nella realizzazione di parrucche su misura insieme all'associazione A.T.R.I. ONLUS e alla Fondazione Prometeus ONLUS attraverso varie iniziative atte a sostenere il "diritto alla bellezza" di tutti.
Nel 2011 viene dato vita al Progetto Smile, ed è proprio a questo progetto che ho deciso di aderire attraverso la donazione dei miei capelli. 
Attraverso questo progetto, i pazienti che lo richiederanno, potranno avere la loro parrucca di capelli organici personalizzata (seguendo ciò che era la loro condizione tricologica prima della terapia) sostenendo solo i costi della lavorazione della parrucca (costi molto inferiori al prezzo medio di parrucche organiche e/o sintetiche e con fatturazione totalmente detraibile).
Un paziente oncologico spesso per poter acquistare una parrucca deve sostenere costi esorbitanti (spesso superiori ai 2000/3000 euro) in quanto tra le spese da sostenere vi è anche quella relativa all'acquisto della materia primaria (i capelli); Tricostarc grazie alle donazioni del Progetto smile riesce ad abbattere questi costi e garantire un servizio di qualità con la minima spesa. Le calotte che realizzano per l'ancoraggio del capello sono in materiale confortevole e di grande qualità, per garantire al malato di indossare la sua parrucca senza nessun fastidio.
Inoltre le parrucche sono progettate in maniera personalizzata, ossia che verranno rispettate tutte le caratteristiche che il paziente possedeva prima della perdita, così da creare meno trauma possibile con quello che sarà il rapporto con la nuova parrucca (quantità di capelli posseduti in precedenza, tipologia, spessore, colore, ecc).

QUALI SONO I REQUISITI PER DONARE I CAPELLI? QUALI SONO LE FASI DA RISPETTARE?

I requisiti che la Tricostarc richiede per la donazione dei capelli ai fini della realizzazione della parrucca sono:
  1. Una lunghezza minima di 28 centimetri, in quanto 2 centimetri saranno le lunghezze minime che si andranno a perdere nella fase di lavorazione e realizzazione della parrucca. Perciò, più lunghi saranno i capelli donati, maggiore sarà la possibilità che riescano ad utilizzarli nella realizzazione della parrucca.
  2. Non ci sono limitazioni in merito alla tipologia di capello (fino, spesso, tinto, mechato, schiarito, ecc..) ma è importante che: appartengano alla stessa donatrice, siano ben puliti e totalmente asciutti, privi di qualsiasi umidità che possa compromettere le condizioni finali del capello (i capelli non totalmente asciutti possono indurirsi, intrecciarsi, rovinarsi o peggio AMMUFFIRE e quindi essere del tutto INUTILIZZABILI)
  3. Le ciocche dovranno essere tutte ben fissate con un elastico e divise in piccole code.
Per quanto concerne le FASI da rispettare per la donazione al momento del taglio, ho deciso di mostrarvele tramite fotografie:


Questi erano i miei capelli PRIMA del taglio.
Siccome i capelli prima di esser donati devono essere perfettamente puliti, ho dapprima LAVATO i miei capelli, poi li ho fatti asciugare BENE dalla mia parrucchiera di fiducia con phon e piastra e li ho pettinati per verificare la totale assenza di umidità. Avessi deciso di rispettare la lunghezza minima di 28 centimetri, avrei adesso i capelli poco sotto le spalle...ma ho deciso di donare "qualcosina" in più.
Premetto che il colore dei miei capelli è TOTALMENTE naturale, quindi eventuali riflessi e/o schiariture sono frutto di un processo naturale; non li ho mai tinti nè trattati, mi sono solo negli anni limitata semplicemente a qualche impacco con maschere nutrienti o erbe come Amla, Methi, ecc.. che comunque non tingono ma esaltano i riflessi naturali (in questo caso i miei tendono dal cioccolato al rame/cenere a seconda della luce)


Questa è la SECONDA fase, quella relativa alla divisione delle ciocche. Nel sito sono specificati sei settori, ma io ho un capello molto folto e spesso, quindi le ciocche alla fine sono state non sei ma due in più (non avessi avuto la testa rasata da un lato ed al cozzetto probabilmente le ciocche sarebbero state 14/16). Per legare le ciocche ho semplicemente fornito alla mia parrucchiera degli elastici per treccine. Le ciocche sono state formate prima dividendo i capelli in settori con relativo fissaggio e poi un secondo elastico è stato fissato all'altezza scelta che avrebbe fatto da linea guida nella fase successiva, quella del taglio.


Ecco la TERZA fase, quella del taglio. Ricordate che il taglio avverrà poco sopra l'elastico fissato alla ciocca, quindi considerate sempre che questo passaggio toglierà qualche centimentro in più: in questo caso ho scelto di fissare l'elastico a 30 centimetri e non 28, quindi alla fine la ciocca di capelli che ho donato aveva una lunghezza complessiva di 32 centimetri c.ca


Ora i capelli sono pronti per essere donati!
Vi suggerisco, prima di chiuderli nella busta da spedire, di creare delle trecce morbide per evitare che si possano rovinare e chiuderle in una busta di carta (tipo quelle per il pane) in modo che non si crei della spiacevole condensa che possa compromettere il capello.
Ricordate di affiancare alla vostra donazione "UNO SMILE", ossia un biglietto con all'interno un messaggio di solidarietà per la persona che riceverà i vostri capelli.
Avete capito bene: Tricostarc dà la possibilità di creare un legame, uno scambio di solidarietà, tra donatore e ricevente.
Quando i vostri capelli verranno utilizzati per farne una parrucca, verrete informati tramite il contatto mail precedentemente rilasciato all'interno della busta (all'interno dello smile a vostra discrezione potrete lasciare non solo la mail ma anche il vostro numero di cellulare...quindi dovrete lasciare i vostri recapiti nello smile e su un biglietto esterno che conserverà la Tricostarc per avvisarvi).


IMPORTANTE DA SAPERE: Non sempre la mail di avviso arriva in tempi brevi, perchè le fasi di utilizzo dei capelli seguono dei passaggi ben precisi. Vista la quantità che perviene in media a donazione, è normale che solo la vostra non possa essere sufficiente a realizzare una parrucca, perciò cosa succede?
  • La busta può essere spedita o direttamente alla Tricostarc oppure alla Fondazione Prometeus, ma quelle spedite alla Prometeus faranno un "giro" più lungo perchè tutte le donazioni convergeranno infine presso la sede della Tricostarc
  • Appena la busta arriva in sede, dovreste tecnicamente venire avvisati della ricezione tramite mail. Da qua le tempistiche che seguiranno nella lavorazione del capello varieranno a seconda di diversi fattori. 
  • Ogni donazione verrà analizzata per vedere se le condizioni sono buone tali da poter essere utilizzate, dopodichè verranno catalogate per tipologia (colore, spessore, ecc..) ed archiviate.
  • La tempistica di archivio può durare mesi così come anni, dove il vostro capello donato sarà messo a disposizione per essere lavorato una volta che perverrà quella richiesta tale che corrisponderà alle caratteristiche della vostra donazione.
  • Tutti i capelli con caratteristiche identiche alla richiesta della personalizzazione della parrucca, verranno "unite" nella fase finale, ossia quella della realizzazione....l'unione fa la forza!
  • Ecco che il vostro capello riceve la richiesta che corrisponde alle sue caratteristiche e verrà finalmente utilizzato; verrà consegnato anche lo "smile" con i vostri dati ed il vostro messaggio al paziente insieme alla parrucca, che potrà ringraziarvi di avergli donato di nuovo il sorriso in questo percorso difficile.
Ahimè non esiste una età precisa dei pazienti che fanno richiesta delle parrucche: infatti molte volte a fare richiesta sono anche bambini e adolescenti ricoverati oncologici, non solo persone adulte.
Per facilitare questa bella iniziativa, esiste anche la Banca della Parrucca: si tratta di un progetto dove, chi possiede una parrucca sintetica o non che non utilizza più, può donarla spedendola alla Tricostarc che si premurerà di igienizzarla, sistemarla e rimetterla a disposizione di chiunque ne faccia richiesta. Questo progetto si espande anche nei vari ospedali (attualmente la responsabile del progetto Banca della Parrucca mi ha informato che seguono l'ospedale San Giovanni di Roma) in sostegno dei pazienti oncologici. Le parrucche all'interno della Banca sono in comodato d'uso con unico vincolo di restituirle alla fine del loro percorso, per poter essere di nuovo igienizzate e rimesse a disposizione.



Mi sono innamorata di questa iniziativa...e voi?!? Donerete i vostri capelli dopo aver letto questo articolo...?!?
Spero scegliate anche voi la Tricostarc e sosteniate il suo progetto.

mercoledì 18 dicembre 2019

Ecco quali sono i prodotti tipici Calabresi più famosi al mondo


La Calabria è una ragione la cui ricca tradizione enogastronomica la rende tra le più ricercate in materia di formaggi e salumi. La tradizione culinaria è ricchissima di sapori proprio per via del fatto che si estende su ottocento chilometri di costa interrotti da tre monti che la attraversano sia a nord che a sud. A partire dal Massiccio del Pollino, attorno al quale si producono alcuni dei migliori pecorini DOP della regione, passando per l’altopiano della Sila (che è la patria del Caciocavallo) sino ad arrivare all’Aspromonte dove si degustano ottime ricotte salate . Tutta questa differenza morfologica dà vita a ricette e tradizioni famosissime e rivisitate zona su zona, alcune delle quali tutelate dalle leggi di originalità della ricetta a indicazione geografica protetta.
Effettivamente la Calabria è una terra ricchissima di sapori che siano essi salumi, formaggi, dolci o vini. In questo articolo cercheremo di scoprirli tutti grazie anche alle ispirazioni che abbiamo preso da www.gustidelsole.it per non dimenticarne neanche uno. Tra i salumi ed i prodotti a base di carni
sicuramente la più famosa a livello internazionale è la Ndujia , seguita da Guanciale e Soppressata DOP a cui segue immediatamente anche il Capocollo di Calabria . Questi prodotti sono realizzati con carni allevate sugli altipiani, direttamente al pascolo. I formaggi più noti sono invece il Caciocavallo e i pecorini, senza dimenticare le ricotte salate e affumicate e le mozzarelle silane. Mancano all’appello anche il Butillo ed il Musulupu. La cultura del vino in Calabria nasce durante il periodo della Magna Grecia, quando il vino di Cirò era offerto ai vincitori dei giochi olimpici ateniesi. Il rilievo dei vini calabresi che hanno acquisito anno dopo anno lo si deve ad una ottima scelta di produzioni. Nella produzione troviamo una netta maggioranza qualitativa dei vini a bacca rossa come Nerello, Greco Nero, Magliocco e Pecorello. Sicuramente il vino più famoso della produzione vinicola calabrese è il Cirò, un nettare maturo, pulito e forte. Della produzione totale nove vini sono a Denominazione di Origine Controllata DOC, mentre undici sono ad Indicazione Geografica Tipica IGT.

Vegetali unici al mondo: la Cipolla di Tropea ed il Bergamotto

Almeno una volta nella vita dovrai aver sentito parlare di cipolle di tropea e bergamotto calabrese perché, assieme alla Nduja sono i segni più rappresentativi per il turismo enogastronomico. Eppure non tutti hanno mai avuto il piacere di assaggiare una marmellata di cipolle di tropea o un bel dolce profumato con succo di bergamotto. Quest’ultimo è un agrume dal profumo talmente intenso e godibile che può creare una certa assuefazione. I vegetali famosi della Calabria non finiscono qui perché mancano l’aglio di Papaglionti, una frazione di Zungri in provincia di Vibo Valentia. Il sapore è forte, aromatico e piccante ed è in grado di esaltare anche i piatti più spenti. Per gli amanti dei risotti potremmo dire che la Calabria è la terra ideale per cucinare quelli a base di asparagi, dato che qui cresce una varietà talmente particolare da avere un suo nome personale: Asparago Selvatico della Calabria. Si tratta di una pianta spontanea che i calabresi mangiano spesso sott’olio o nella frittata.

lunedì 16 dicembre 2019

Un Safari per Natale. Recensione Personale del Film



Stanotte non avevo sonno, quindi ho chiesto a Netflix di farmi compagnia. Ho prima finito una serie tv poi un alert sul cellulare mi avvisava di un nuovo film caricato in piattaforma. Ho deciso di vederlo e anche di recensirvelo perché sono sempre più convinta che un giorno, l'umanità mi ringrazierà.

UN SAFARI PER NATALE

Non trovando nulla su wikipedia ho cercato la trama altrove online.
Per tenere alto l'umore, ora che il figlio è partito per il college, la newyorchese Kate Conrad (Kristin Davis) organizza una "seconda luna di miele" assieme al marito il quale, invece di ringraziarla, all'improvviso la lascia. Kate decide di partire comunque da sola per un safari in Africa e durante una deviazione attraverso lo Zambia, aiuta Derek Holliston (Rob Lowe), il pilota del suo aereo, a soccorrere un piccolo di elefante rimasto orfano. Mentre sono in un santuario per pachidermi, i due lo curano e riescono a guarirlo. Kate prolunga il suo soggiorno fino al periodo natalizio. Un nuovo amore è in arrivo: tornerà a casa o deciderà di far durare questa avventura tutta una vita?

CONSIDERAZIONI PERSONALI

Una trama trita e ritrita che manco un libretto Harmony del 1980 poteva fare peggio. In un film a caso, la protagonista lasciata dal marito parte per l'Africa e si innamora dei bambini dell'orfanotrofio al punto da mollare tutto e restare in quella terra. Un altro film uguale, la protagonista si innamorava delle tigri. Qui la protagonista si innamora degli elefanti orfani e vittime dei bracconieri. E puntualmente si innamora del ragazzo che anni prima deluso dalla vita si è rifugiato lì. Dopo 10 minuti di film, avevo già scritto il finale del film. Ma come si fa? Manco Nicholas Sparks che fa sempre morire un personaggio principale, arriva a tanto. Mi stupisce anche il fatto che sia un film del 2019. Davvero nel 2019 credete sia necessario un film di questo "spessore" culturale? Io non ho parole. Non lo consiglio affatto. Si, lo so che sono talmente satura di film e di finali che non apprezzo nulla, ma vi assicuro che questo "safari di natale" è un film che non aggiunge e non toglie nulla alla vostra cultura cinematografica. 

venerdì 13 dicembre 2019

Come detergi la tua pelle? Pads ecosostenibili per tutti i gusti


Bentornati sul blog dalla vostra adorata skincare-addict Chiara!
Oggi non parleremo di prodotti skincare nello specifico ma di corretta detergenza: cosa utilizzate per pulire dai residui di smog e di trucco la vostra pelle?
Solitamente abbiamo anche a disposizione i devices come Foreo et similia o Clarisonic per detergere a fonso, ma di solito prima di questo step, facciamo ricorso ai pad usa e getta per rimuovere quanto più trucco possibile.
Esistono però ( e non tutti lo sanno...!!!) alternative più sostenibili al nostro portafogli ed all'ambiente, ossia i pads in tessuto, bamboo o spugna.
Ne esistono varie tipologie e di vari brand sul mercato, io ve ne mostrerò qualcuno in mio possesso.


Il primo esempio di pad riutilizzabile che vi mostro è quello di MissTruccoGreenEthic nella sua precedente versione semplice: esistono diversi set di pads struccanti, quello che vi mostro è il set da 2 pads da 10cm, ora con un nuovo design e la fascetta antiscivolo. Sono realizzati in spugna di cotone e sono interamente cuciti a mano. Le cuciture sono state realizzate in maniera tale da resistere a lungo anche a lavaggi frequenti e la durata media di un solo pad varia dai 6 ai 9 mesi. Sono morbidissimi, tra i più morbidi in mio possesso, li lavo tranquillamente in lavatrice e non si rovinano. Se volete acquistarli, li trovate sul sito ufficiale ad un prezzo piccolissimo cliccando qui.


Diverse dalle prime mostrate ma ugualmente valide, sono le pads in poliestere e poliammide di Lamazuna : quello in foto è il mio personale set da 10 pads, completo di sacchetto dove poter riporre le pads quando dovrete lavarle in lavatrice e cofanetto in legno dal bellissimo design. Una confezione da 10 pads di Lamazuna può durare fino a 3 anni, ed ogni pad può essere riutilizzato fino a 300 volte ed anche più. Hanno una struttura che le rende adatte anche alle pelli più sensibili.
Con qualche goccia di detergente rimuove anche il trucco più ostinato.
Hanno due lati di diverso colore, rosa e bianco, per assicurare una rimozione perfetta del trucco.
Se volete acquistarle, cliccando qui avrete il diretto accesso al sito. Inoltre acquistando dal sito ufficiale avrete modo ad ogni spesa di accumulare dei punti da scalare poi negli acquisti successivi al raggiungimento della soglia.
Esistono anche le ricariche, il set da 20 salviette ed i set regalo.


Se siete brave a lavorare all'uncinetto, potrete sbizzarrirvi a creare da voi i vostri pad struccanti personalizzati nelle più disparate forme e colori. Questo bellissimo pad a forma di fiore è appunto frutto di un graditissimo pensierino di Natale che una ragazza facente parte dello stesso gruppo facebook da me frequentato ha deciso di confezionarmi a mano per Natale.


Non esistono solo i pad struccanti, ma anche veri e propri "regali della natura", come le spugne di mare di Cose Della Natura ; Le spugne di mare sono quanto di più delicato e naturale esista per prendersi efficacemente cura della nostra pelle e detergerla a fondo senza il rischio di incorrere in spiacevoli irritazioni. Queste spugne di mare in particolar modo sono totalmente naturali, non lavorate e provenienti solo dal Mare Mediterraneo e Adriatico. Se ne possono trovare di diverse dimensioni, forme, colori e morbidezza a seconda delle proprie esigenze. Più i pori sono piccoli, più la spugna mantiene nel tempo la sua integrità, più resta compatta. Si puliscono facilmente e la loro manutenzione è davvero semplice, basta ogni tanto ricordarsi di immergerla in un composto di acqua e bicarbonato per qualche ora per poi risciacquare. Esistono diverse varietà tra cui Arcipelago e Fine Dama, ma anche spugne per makeup e per le pelli più delicate dei bambini. Eventuali segni rossi caratteristici della concentrazione di ferro al punto di attacco della spugna, residui marini o altro, conferiscono a queste spugne una particolare preziosità e garanzia della loro naturalezza. Potete scegliere la vostra spugna cliccando qui all'interno del sito ufficiale.


Infine abbiamo, per ultimi ma non per importanza, la possibilià di optare per dei guanti struccanti in Loofah o in Bamboo naturale. Solitamente per questi guanti struccanti tra le istruzioni di utilizzo troviamo indicata la possibilità di utilizzarli solo con della semplice acqua, ma io consiglio di abbinarla sempre al proprio detergente del momento in quanto con la sola acqua non andremmo a rimuovere totalmente residui di smog e di makeup dal viso in maniera efficace.
Questo che vi mostro in foto a scopo illustrativo è un guantino in bamboo naturale trovato nel reparto casalinghi della Conad : possiede un lato esfoliante in fibra di bamboo ed uno detergente in fibra naturale. Se ne trovano in vari tipi ed in varie forme, anche sottoforma di dischetti.
Esempi semmai vorrete provarne uno in bamboo o loofah sono Cose della Natura , Arangara , Sardinia Green Synergy , Eco Bath London , Arca Botanica , The Konjac Sponge Company , Glov , Elbi Design , Nacomi e molti altri.

Quale di questi accessori di rimozione trucco vi piacerebbe di più provare? Spero di esservi stata di aiuto nella ricerca della soluzione che fa più al caso vostro.
Alla prossima beauty review!