martedì 21 giugno 2016

Il Rullino Bracciale Must Have Estate 2016 ideato da Diego Fogo


Dalla mente creativa di Diego Fogo, co-ideatore del bracciale Il centimetro e ideatore del bracciale La Forketta, un altro bracciale che sta già facendo parlare di se perché oltre ad essere bello, colpisce al cuore per il suo effetto nostalgia: Il Rullino. 


Made in Italy realizzato in vera pelle con chiusura magnetica in lega metallica, nickel free, in materiale ipoallergenico. Al momento del lancio in commercio lo troviamo in versione gold e in versione silver in due misure S e M. La chiusura magnetica con impresso il logo, regala al bracciale uno stile unico ed inimitabile. Il bracciale riproduce fedelmente la pellicola fotografica che utilizzavamo per imprimere le immagini fotografiche su carta. La mente creativa di Diego Fogo non si è limitata solo a creare un bracciale must-have dell'estate 2016, ma ha pensato a tutto, compreso all'originale packaging che contraddistingue questo bracciale il Rullino. Infatti è contenuto in una scatolina che riproduce in tutto e per tutto una macchinetta fotografica analogica.


Qualche giorno fa ho fatto vedere a mia nipote un rullino che conservo gelosamente nel cassetto dei ricordi e ho scoperto in quell'istante stesso che ignorava completamente cosa fosse e la sua funzione. Allora le ho raccontato l'importanza di questo oggetto, partendo dai ricordi legati alla mia infanzia e poi alla mia adolescenza. Da figlia di fotografo quale sono, i rullini a casa mia, passatemi il termine, li mangiavamo a colazione, ma nonostante tutto l'attesa che passava tra la consegna del rullino a mio padre, lo sviluppo e successivamente la consegna alla sottoscritta, era davvero emozionante. Potevano passare giorni, ma a volte, se non aveva tantissimo lavoro, passava solamente qualche ora. Ai miei tempi esistevano già i rullini da 36 pose, oltre a quello da 24 ed era già obsoleto quello da 12. Avere un rullino da 36 pose significava poter immaginare di scattare qualche foto in più,per poi farsi vanto tra gli amici. Questa cosa qualcuno l'ha tradotta in "un modo per sentirsi un po' più ricchi". Su 36 foto puntualmente qualcuna veniva sfocata, altre scure e altre completamente da buttare. Io ero bravissima a tagliare i piedi alle persone.


Tra i tanti incidenti che potevano succedere a chi possedeva una compatta analogica e quindi a rullino, uno merita di essere menzionato perché capitava fin troppo spesso ed era uno di quegli incidenti che più ti facevano arrabbiare ossia, l'apertura del vano rullino, così all'improvviso. Che rabbia!!! Per chi non fosse di quegli anni, bisogna sapere che una cosa importante della fotografia analogica era proprio non bruciare con la luce il rullino.


Questo bracciale non solo è bello, ma riporta a galla ricordi che solo chi è nato negli anni della fotografia analogica può avere. Un bracciale che regala momenti nostalgia che strappano un sorriso e anche una lacrimuccia. Questo mio post è un ringraziamento a Diego Fogo, che con la sua creazione ha saputo perfettamente colpire al cuore, di chi ha tantissimi ricordi legati al rullino e che né i capelli bianchi né la fotografia digitale possono portare via. 


Potete acquistare Il Rullino sul sito e nei rivenditori autorizzati. 

5 commenti:

  1. Incredibilmente bello!!! Bello il bracciale Il Rullino e bello il tuo racconto che, a me che ho ormai superato da un po i 30, ha evocato ricordi davvero dolci... bravo Diego Fogo, una mente creativa che ha colpito dritto al cuore !

    RispondiElimina
  2. Sai che leggendo mi sono ritornati in mente tanti ricordi legati al rullino e alle foto , credo che hanno avuto davvero una gran bella idea e poi è fatto benissimo

    RispondiElimina
  3. Oh mio dio come sono belli!! Che idea geniale :) adoro gli oggetti originali e particolari come questo bracciale Rullino. Mi piace molto la versione dorata!!

    RispondiElimina
  4. Davvero super originale questo bracciale, assolutamente perfetto per un regalo.

    RispondiElimina
  5. Trovo molto carino ed originale questo bracciale. Ma quello che più mi colpisce è il packaging. Un vero genio Diego Fogo.

    RispondiElimina

Se ti va, lasciami un commento.